La Consulta boccia la legge sull’acqua? “Ribelli” eravamo prima e “ribelli” saremo ancora. Le reti non si consegnano! Si torna in prima linea

La Consulta boccia la legge sull’acqua? “Ribelli” eravamo prima e “ribelli” saremo ancora. Le reti non si consegnano! Si torna in prima linea

dott. Michele Botta
Comitato promotore della proposta di legge di iniziativa Popolare e Consiliare per la ripubblicizzazione dell’Acqua in Sicilia

Palazzo Planeta, da Enoteca a Ufficio del comune

OLYMPUS DIGITAL CAMERAC’è ancora chi si chiede perché l’amministrazione Lotà ha revocato l’affidamento della gestione dell’Enoteca delle Terre Sicane alla sommelier professionista Erina Migliore ed al suo Staff.

E’ di oggi, infatti, la notizia che l’amministrazione comunale ha deciso di destinare la prestigiosa location – ristrutturata con fondi pubblici finalizzati proprio a riservare l’immobile ad Enoteca – ad Ufficio Scolastico Comunale.

Dopo i flop dell’amministrazione Lotà che, con l’associazione sistema vino aveva vanamente tentato di affidarne la gestione previo periodo di prova della durata di un anno, oggi il Palazzo rimane chiuso alla fruizione degli estimatori del vino e destinato ad ufficio comunale.

Inceneritore di rifiuti: lunedì consiglio comunale aperto

inceneritore rifiuti

inceneritore rifiuti

Chiuso il capitolo biomasse, si apre quello dell’inceneritore dei rifiuti. C’è un filo conduttore: il sito.

Sia il vecchio progetto dell’impianto a biomasse, sia questo nuovo progetto per bruciare la frazione organica dei rifiuti prevedono la collocazione dell’impianto in contrada genovese.

A parole si dicono tutti contrari, ma è un fatto che di tanto in tanto a Menfi certi ‘investitori’ trovino terreno fertile per proporre i loro affari…

Stasera se ne parlerà in un consiglio comunale aperto alle ore 19.

Referendum, valanga di NO a Menfi. Ora si traggano le conseguenze

vittoria

A Menfi la valanga dei No ha travolto la montagna del Si, che ha partorito il topolino del 27% (1627 voti).

Il popolo menfitano si è nettamente opposto a questa riforma costituzionale che con 4398 voti ( pari al 73% ) ha decisamente bocciato.

I membri del Comitato #MenfiDiceNo esprimono ampia soddisfazione per il risultato raggiunto, consapevoli di aver svolto un compito importantissimo per la difesa della libertà e della democrazia, ma al tempo stesso arduo e che è stato premiato dal popolo menfitano con il superamento della media nazionale (59%)

Numerosi sono stati gli eventi del Comitato menfitano organizzati nel corso di questa campagna referendaria, culminati con il comizio in via della vittoria venerdì scorso, che hanno visto una numerosa partecipazione di cittadini liberi, non legati tra loro da appartenenze partitiche, ma accomunati dalla passione per Menfi e per il bene comune.

Ieri sera, presso la sede del Comitato, nel corso dell’analisi del voto, si è riflettuto sul futuro di questo movimento popolare che ha tra i valori fondanti il rispetto del mandato popolare, la difesa dei beni comuni e della Costituzione repubblicana.

Un movimento popolare che sin d’ora pone una riflessione ad alta voce nel panorama politico menfitano, laddove l’attuale amministrazione comunale, schierata apertamente per il SI assieme ai suoi nuovi alleati politici di opposizione, si ritrova ad essere minoranza nella città e con una crisi politica aperta da oltre tre mesi.

Una classe dirigente seria dovrebbe, a questo punto, trarre le dovute conseguenze.

 

Il Comitato #MenfiDiceNo

Acqua, Assemblea Territoriale Idrica (ATI), l’unico dato rilevabile è un assordante silenzio

cda Ati

cda Ati

La speranza che l’ATI (Assemblea Territoriale Idrica), nata per sostituire l’amorfo e dannosissimo ATO, potesse portare nuova linfa e verve  sembra sparita nel nulla.

La speranza era dovuta: Primo, per la composizione stessa del nascituro organismo, considerato che esso è costituito da quegli stessi Sindaci che sin dal 2007 sono costretti a raccogliere le lagnanze e le angherie che giornalmente subiscono i cittadini a causa di un gestore tanto arrogante quanto incapace, con le tariffe  tra le più care d’Italia oltre che “taroccate”. Certamente le più care se consideriamo che paghiamo il doppio dell’acqua che consumiamo visto che oltre il 50% si disperde per le condotte idriche colabrodo.

Secondo, perché il Presidente dell’ATI unitamente al Consiglio di Amministrazione, tra i primi atti dal loro insediamento hanno voluto incontrare le parti sociali, le associazioni e i comitati per  fare conoscere le loro strategie e linee guida da mettere in campo per affrontare e correggere l’andazzo messo in atto dal gestore, oltre che  per raccogliere istanze e suggerimenti provenienti dalle parti presenti all’incontro.

Purtroppo, ad oggi, dopo il tempo trascorso e nonostante i fatti nuovi accaduti, l’unico dato rilevante è l’assoluto assordante silenzio. Se i tempi di intervento da parte dell’ATI saranno cadenzati dai ritmi riscontrati fino ad oggi forse è il caso di pensare a sostituirlo con la costituzione di un altro organismo.

Un esempio per tutti è l’ultima rilevante notizia relativa alla sentenza del Tribunale di Agrigento che ha dichiarato “taroccate” le tariffe applicate da Girgenti Acque nel comune di Agrigento negli anni 2008-2011.  Sia i comitati che lo stesso gestore hanno detto la loro, mentre l’ATI non ha proferito parola.

Non sarebbe il caso che l’ATI si esprimesse? Magari dichiarando che studieranno il caso per essere conseguenti e valutare se esistono le condizioni per assumere decisioni in merito?

Come comitato Inter.Co.PA ci sentiamo di suggerire all’ATI di nominare un addetto stampa per dare comunicazioni ai cittadini sullo stato dell’arte. I lunghi silenzi scoraggiano e deludono le aspettative.

                                                                                                            Il Coordinatore di   Inter.Co.PA

Franco Zammuto

(l’altrasciacca.it)

Erosione della Costa: per Renzi e Lotà non è una priorità

Sabato sera davanti al tempio della Concordia è stato firmato il patto per la Sicilia , un impegno tra il Governo nazionale quello regionale che darà ufficialmente il via al piano di investimenti di circa 5,750 miliardi di euro  che serviranno per dare corso all’elenco degli interventi che la Regione ha predisposto puntando su opere già cantierabili, ovvero di appalti che sono quindi oltre la fase di progettazione e che attendono solo il finanziamento per essere avviati.

Per la provincia di Agrigento sono previsti quasi cento interventi, tre dei quali molto importanti riguardano il Capoluogo: il rifacimento della rete idrica, il salvataggio della cattedrale e il ritrovamento dell’antico teatro greco di Akragas.

E per Menfi?

Il presidente della regione Crocetta, intervenuto durante l’evento, ha dichiarato che: “Lunedì trasmetterò a tutti i sindaci l’elenco di tutte le opere finanziate dal Patto per il Sud. Non c’è Comune che non ha avuto finanziato un’opera a secondo delle priorità e la programmazione. I protagonisti di questi cantieri saranno i sindaci”.

Ci sarà qualche novità per il nostro Comune?!?

Dalla scheda della Regione per il Patto della Sicilia, che indica l’elenco delle risorse ed il periodo di riferimento (2016-2017) ed i settori individuati dal governo per le azioni da finanziare, pare NON previsto nessun tipo di intervento per il Comune di Menfi. Nemmeno, ad esempio, per l’erosione costiera del nostro litorale.

Eppure l’ex amministrazione Botta aveva fatto redigere al Provveditorato Opere Pubbliche il progetto per combattere il fenomeno di erosione che aggredisce il nostro litorale, partecipando alla Conferenze di Servizi regionali e gettando le basi per la realizzazione dell’opera.

Che fine ha fatto questo progetto?

Clicca QUI per visualizzare la scheda con i dettagli per settore e con i singoli progetti inseriti nel Patto per la Sicilia.

 

(comunalimenfi.it)

Divieti di sosta: a Porto Palo la prima area per la cattura dei Pokemon?

piazzole libere - divieto di sosta Porto Palo

piazzole libere – divieto di sosta Porto Palo

Com’è noto, Pokemon go è la app per smartphone diffusa dalla Nintendo che sta avendo un grande successo in questi giorni di estate che si basa sulla la caccia ai mostriciattoli nei luoghi reali basandosi sulla cosiddetta realtà aumentata e sulla geolocalizzazione.

Anche a Menfi pare che questi mostriciattoli siano diffusi in diversi luoghi del territorio e che chiunque, dotato di tale app, li possa catturare.

Questo gioco è stato lanciato a metà luglio ed è già un fenomeno nei Paesi ad economia avanzata.

Contemporaneamente, a Porto Palo è stato imposto un nuovo divieto di sosta nelle piazzole antistanti i lidi (limitando fortemente il numero dei posti auto) di cui nessuno, ad oggi, è riuscito a comprenderne le ragioni.

A ben vedere, però, nell’ordinanza n. 93 del 15 luglio 2016 che impone tale divieto si potrebbe trarre una prima giustificazione. Infatti, in tale provvedimento si legge testualmente:

CONSIDERATO che:

le piazzole ubicate in Loc. Porto Palo, a sud di Via Liguria, – tra il molo di
Levante e l’ex Ristorante Miramare, saranno utilizzate dal Comune, per
attività ludiche per attrazioni e per giochi per bambini
;

Ed allora, se tra le attrazioni ed i giochi richiamati in quell’ordinanza, il Comune di Menfi intende anche quelle di ultimissima generazione come i Pokemon go, in attesa di capire realmente il perchè di tale divieto – tra il serio e il faceto – va tutto il nostro plauso per essere stata la prima Amministrazione comunale in Europa ad aver realizzato delle aree dedicate alla cattura dei Pokemon!!!

😉