Inycon 2010, il programma

inycon, vino.mare.menfi
L’EVENTO

Torna a Menfi l’appuntamento con Inycon, la più antica manifestazione siciliana dedicata al vino di qualità prodotto nel distretto delle “Terre Sicane”, territorio che vanta il 40% dell’export di tutta la produzione vinicola dell’isola.

La 15\esima edizione della rassegna, promossa dal Comune di Menfi e da Settesoli, in collaborazione con la Soat di Menfi e la Strada del Vino Terre Sicane, si svolgerà da venerdì 25 a domenica 27 giugno prossimi.

Vino. Mare. Menfi“, questo è il filo conduttore della prossima edizione, la cui organizzazione è stata affidata all’agenzia Feedback di Palermo. L’evento, il cui format è stato rinnovato e arricchito, punta a internazionalizzare il patrimonio enogastronomico, culturale e paesaggistico del territorio di Menfi, caratterizzato da suggestivi vigneti che lambiscono spiagge incontaminate e un mare cristallino.

Novità dell’edizione 2010 sarà l’organizzazione di tre grandi wine tasting sul tema del “bere bene low cost” dedicati ai vini di collina, di mare e di lago prodotti nelle Terre Sicane, condotti da Veronika Crecelius, corrispondente di Weinwirtshaft e Marco Sabellico del Gambero Rosso.

La rassegna comprende un convegno sul tema dell’ecosostenibilità delle moderne aziende vitivinicole, mostre, degustazioni di vino sotto le stelle, mini corsi di assaggio di vino e di olio, wine tour tra le cantine della Strada del Vino Terre Sicane e happy hour cene d’autore presso “Casa Planeta”.

Oltre al vino, Inycon darà spazio allo spettacolo d’arte dedicato al solstizio d’estate “Il Passo del Tempo”, ideato e diretto dal regista Francesco Bondì oltre ad esibizioni di artisti e gruppi musicali.

Infine, lo show a braccetto con la solidarietà per l’iniziativa “Quando ridere fa bene 3”, kermesse di musica, cabaret, con comici di Zelig e cantanti dell’ultima edizione di X Factor, insieme per sostenere la onlus “Vida a Pititinga“.

Clicca qui per il Programma dell’edizione 2010 di  Inycon,Vino.Mare.Menfi

Anche Menfi nella Sicilia di Montalbano

I luoghi del commissario Montalbano sono quelli della Sicilia meridionale con i suoi paesini bianchi, i quartieri arabi, le chiese barocche, i palazzi storici, le meravigliose ville, le templi antichi. E’ la Sicilia degli spazi aperti, della natura selvaggia, del vento e delle spiagge lunghe e sabbiose.

Come sanno gli estimatori del Montalbano letterario, i luoghi in cui si svolgono le vicende del commissario, hanno spesso nomi di fantasia, ma solo i nomi però, perché questi posti esistono eccome.

Vigàta, per esempio, è stata identificata come Porto Empedocle, la città natale dello scrittore, ma ha in sé anche altri luoghi. E’ lo stesso Camilleri a raccontarlo, parlando dei paesini che attaversava in corriera, insieme agli altri studenti, durante il tragitto per raggiungere il Ginnasio di Agrigento: «Ecco, Vigata viene da lì: è una località a geometria variabile composta da tutte quelle da cui proveniva quella studenteria».

Sciacca si cela dietro Fiacca, mentre Gela è Fela. Poi ci sono Menfi, che viene chiamata Merfi, Raffadali che è rinominata Raccadali, Ragusa che diventa Montelusa, Donnalucata diventa Marina di Vigàta.

Il passaggio dalla finzione letteraria a quella televisiva, poi, ha allungato ulteriormente la lista dei luoghi appartenenti alla “Sicilia di Montalbano”.

Le zone in cui si aggira Luca Zingaretti, vestendo i panni del commissario Montalbano, è concentrata soprattutto nel Ragusano, zona di una bellezza commovente, che le inquadrature di Sironi hanno saputo valorizzare e rendere ideali per le storie e i personaggi.

La nostra giornata con Montalbano potrebbe iniziare proprio da casa sua, a Marinella, ovvero la spiaggetta di Punta Secca, una frazione di Santa Croce Camerina. Se la stagione lo permette, potremmo anche fare una nuotata, proprio come il nostro commissario, prima di cominciare una delle sue lunghe giornate.

Dopo esserci asciugati al sole, raggiungiamo il commissariato di Vigàta, ovvero andiamo a Scicli, in Piazza Italia, per la precisione. Scicli è una cittadina barocca, molto bella. Oltre agli esterni del commissariato, a Scicli c’è anche il set della Questura di Montelusa, ovvero Palazzo Iacono.

Ma è arrivato il momento per il primo sopralluogo.
Una bella passeggiata per il centro storico di Ragusa Ibla, ovvero Vigàta, nella finzione televisiva. Passeggiando capiteremo senzaltro nella piazza principale, dove sono state girate numerose scene. Qui c’è la monumentale scalinata che porta alla Cattedrale di San Giorgio, così come un’altra scalinata, quella lunghissima di Santa Maria delle Scale che dobbiamo proprio fare se vogliamo guadagnarci la vista sul panorama magnifico del quartiere medievale di Ibla.

Da Vigàta ripartiamo per far visita al boss mafioso Balduccio Sinagra. Il set della sua abitazione è il Castello di Donnafugata, recentemente restaurato, circondato da un parco mozzafiato.

Non ci resta tempo per vedere anche Villa Criscione (la masseria fortificata set dell’abitazione dell’ingegnere Luparello) e l’Eremo di Santa Giuliana (un convento del ‘500, oggi trasformato in albergo), abitazione dove viene rinvenuta la bellissima Michela Li Calzi.

Girando per questi luoghi sicuramente ci sembrerà di riconoscere anche altri luoghi della Sicilia di Montalbano, ma anche se così non fosse, avremo visto comunque dei posti bellissimi.

(tratto da http://www.montalbano.tv)

Online ComuniCare di Luglio

E’ stato diramato un nuovo numero di ComuniCare, la newsletter
dell’Amministrazione.

ComuniCare è la raccolta mensile dei più rilevanti comunicati diramati dal Servizio “Stampa & Comunicazione” dell’Amministrazione comunale di Menfi riservata agli utenti iscritti sul sito del Comune, così come gli iscritti al gruppo COMUNICARE – MENFI sul social network FACEBOOK.

Anche a Menfi Calici di Stelle 2009: un brindisi all’Italia del vino responsabile

Un brindisi sotto il cielo di San Lorenzo con il prestigioso vino del territorio, coniugando il piacere della degustazione ai prodotti tipici espressione del patrimonio gastronomico locale. Anche l’Amministrazione comunale di Menfi aderisce a “Calici di Stelle”, un evento promosso dall’Associazione Nazionale Città del Vino e il Movimento del Turismo del Vino diventato uno degli appuntamenti più importanti e consolidati dell’estate italiana.

L’invito è a Porto Palo, a partire dalle 20.30, per il 10 agosto, notte di San Lorenzo, quando il cielo s’illumina con le scie delle stelle cadenti. Gli eno-appassionati potranno incontrarsi nei centri storici e nelle più belle piazze delle Città del Vino italiane e a Menfi, città del Vino per eccellenza, la manifestazione si svolgerà presso la località marina di Porto Palo, dove sul lungomare saranno allestiti banchi d’assaggio con vini del territorio offerti da esperti sommelier. Nella serata il pubblico potrà anche degustare prodotti tipici sulle note di musica etno suonata live da artisti della zona in concerto.

“Calici di Stelle” sarà ancora una volta l’occasione per promuovere un messaggio importante: quello del consumo consapevole del vino.

“È necessario, ora più che mai – dice Valentino Valentini, presidente dell’Associazione nazionale Città del Vino – dare al pubblico un forte segnale dell’impegno di tutto il settore vitivinicolo, istituzioni e vignaioli in testa, affinché manifestazioni come questa siano occasioni sempre più mirate a far conoscere e apprezzare il vino secondo un consumo consapevole e sicuro”.

Menfi, verso una razionalizzazione la raccolta dei rifiuti a Porto Palo‏

L’Amministrazione comunale di Menfi continua a impegnarsi per una raccolta razionale dei rifiuti. Di concerto con la Sogeir (Ato Ag1) e i gestori dei locali, infatti, è stata appena rimossa l’Isola ecologica situata sul rettilineo all’ingresso di Porto Palo, mentre i cassonetti sul lungomare sono stati riposizionati a causa degli incivili abbandoni di rifiuti che hanno causato ingenti cumuli di spazzatura difficili da gestire. Da oggi, dunque, nella località balneare di Porto Palo, la spazzatura può essere conferita nell’area portuale, dove sono stati disposti i cassonetti, e nella nuova piazzola creata ad hoc sulla strada che costeggia la Foce Mirabile. A favorire l’iniziativa anche la collaborazione dei gestori dei locali che si sono impegnati a effettuare la raccolta differenziata.

“Auspichiamo la collaborazione civile dei cittadini affinché non ci siano più depositi incontrollati dirifiuti – è l’appello del sindaco Michele Botta –. Credo sia nell’interesse di tutti mantenere integra epulita l’immagine della nostra città, specie d’estate quando ospitiamo migliaia di turisti ogni giorno. Per questo motivo abbiamo sollecitato anche le forze dell’Ordine chei naspriranno i controlli e non esiteranno a elevare le multepreviste dalla legge”.

L’appello al senso civico e alla responsabilizzazione viene anche dall’assessore all’Ambiente Silvio Sbrigata:

“Ricordiamo che è sempre attivo il Servizio Gratuito per il ritiro dei Rifiuti Ingombranti a disposizione dei Cittadini, ogni giorno, dalle 8 alle 14, semplicemente chiamando il numero 0925.71334. Negli stessi orari è inoltre possibile conferire questitipi di rifiuti, sempre gratuitamente, presso il CCR (Centro Comunale di Raccolta), sito in Contrada Mandrazzi”.