Vendemmia 2011, primi bilanci

Palermo, 14 set. – (Adnkronos) – Con il 20 % di produzione in meno rispetto al 2010 la Sicilia si colloca al primo posto in Italia per la minore raccolta di uva. La causa, oltre alla vendemmia verde (l’eliminazione dell’ uva non maturata) e’ la siccita’ che imperversa da mesi in tutta la Regione e che sta determinando seri problemi nei vari comparti agricoli. In particolare, secondo quanto stimato dall’ Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare) nel 2011 si produrranno 4.540 migliaia di ettolitri di vino e mosto, contro le 5.676 migliaia di ettolitri del 2010 e le 6.175 del 2009.

”Si tratta di un calo generalizzato in tutta l’Isola che non tocca la qualita’ che si conferma eccellente – sostengono il presidente e il direttore della Coldiretti siciliana, Alessandro Chiarelli e Giuseppe Campione. Il caldo ha determinato e continua a causare notevoli problemi alle cultivar su cui grava anche un notevole stress idrico.”

‘Non piove da mesi – aggiungono i vertici della Coldiretti – e questo provoca anche danni agli oliveti minacciati dalla mosca. Per le aziende sono costi aggiuntivi in quanto le irrigazioni costano sempre di piu’ anche a causa dell’utilizzo del gasolio dei generatori che ha raggiunto prezzi esorbitanti.

Mare, Bandiera Blu: Menfi riceve la quindicesima

Lo scorso 10 maggio a Roma a Palazzo Chigi, sede della Presidenza del Consiglio dei Ministri la cerimonia di consegna della Bandiera blu, ambito riconoscimento internazionale assegnato dalla Fee (la Fondazione per l’educazione ambientale) alle località costiere le cui acque di balneazione sono risultate eccellenti e nelle quali le amministrazioni si sono impegnate a migliorare lo stato dell’ambiente promuovendo un turismo sostenibile.

Sono 125 le località rivierasche italiane che potranno fregiarsi per il 2011 dell’ambito riconoscimento ed i risultati sono stati presentati nel corso della XXV edizione cui hanno presenziato, tra gli altri, il Presidente di Fee Italia Claudio Mazza che nel corso della consegna ha affermato: “Le Amministrazioni che non si orientano nella direzione di un turismo sostenibile nelle proprie località si precludono la possibilità di sviluppare turismo di qualità in futuro”.

La xxv edizione della manifestazione ha voluto premiare quelle località le cui acque di balneazione sono risultate eccellenti, così come stabilito dai risultati delle analisi che, nel corso degli ultimi quattro anni, le ARPA hanno effettuato nell’ambito del Programma Nazionale di monitoraggio, condotto dal Ministero della Salute, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente.

la torre d'avvistamento anticorsara di porto palo

Da notare che tra le bandiere blu assegnate spicca quella di Menfi in Sicilia anche per il fatto che si tratta della quattordicesima di fila dal 1998 al 2011 (dopo la prima assegnazione del 1992) come riconoscimento per il suo mare pulito e le sue spiagge.
Il Sindaco Michele Botta, dopo la cerimonia del conferimento del premio, ha dichiarato

“Sono soddisfatto per questa rinnovata conferma della qualità ambientale per il nostro mare. Si tratta di un riconoscimento internazionale che non indica solo l’ottimo stato di salute delle acque marine della nostra costa, ma della qualità ambientale complessiva della zona e della sua completa vivibilità, che va condiviso con tutti gli operatori del settore e con i cittadini. L’educazione ambientale, la raccolta differenziata e la qualità delle spiagge, l’accessibilità per tutti, la pista ciclabile e la comunicazione e informazione sono e continueranno ad essere all’ordine del giorno dell’attività della nostra amministrazione”.

E la bandiera blu ripetuta da 14 anni ha fatto nascere a Menfi una serie di iniziative turistiche di piccole dimensioni ed a conduzione familiare ma in condizione di potere ospitare in bed and breakfast, pensioni, piccoli alberghi, affittacamere e case vacanze un numero di turisti veramente considerevole.

A cura di Ilenia Cicirello (www.lavoripubblici.it)

Mare, Bandiera Blu: “Menzione speciale” per Menfi

la torre d'avvistamento anticorsara di porto palo

Riconoscimento internazionale assegnato dalla Fee (la Fondazione per l’educazione ambientale) si è svolta stamani a Roma, presso  la Sala Tirreno della Regione Lazio, dove il sindaco Michele Botta ha ricevuto il vessillo blu in rappresentanza della città del vino e del mare pulito.

Per Menfi la Bandiera Blu di quest’anno è la tredicesima di fila: dopo la prima assegnazione nel 1992, infatti, dal 1998 il mare del comune di Menfi viene premiato ogni anno ininterrottamente.

“Sono felice per questa ulteriore e rinnovata conferma della qualità ambientale per il nostro mare – ha detto il sindaco Michele Botta -. Si tratta di un riconoscimento in ambito europeo che non indica solo l’ottimo stato di salute delle acque marine della nostra costa, ma della qualità ambientale complessiva della zona e della sua completa vivibilità, che premia lo sforzo di questa Amministrazione indirizzato alla tutela dell’ambiente. Un altro elemento fondamentale per il rilancio del turismo e dello sviluppo economico del nostro territorio”.

L’articolo del Corriere della Sera

Mare pulito, premiata la Liguria

Con 17 località è in testa alla classifica. Seguono Marche, Toscana e Abruzzo. Menzione speciale per Menfi

http://www.corriere.it/cronache/10_maggio_11/mare-pulito-liguria_3fc43d06-5d0c-11df-97c2-00144f02aabe.shtml

Tutto pronto per la quattordicesima edizione di “Inycon 2009”, Menfi diventa capitale dell’enoturismo. Cimino e Strano presentano “Inycon 2009 – Menfi e il suo vino”.

Inycon 2009 – Menfi e il suo vino

Articolo pubblicato dalla Redazione di www.bereilvino.it

Tutto pronto per la quattordicesima edizione di “Inycon 2009”, Menfi diventa capitale dell’enoturismo. Cimino e Strano presentano “Inycon 2009 – Menfi e il suo vino”.

Inycon 2009 - Menfi e il suo vino Si svolgerà dal 2 al 4 ottobre la quattordicesima edizione di Inycon 2009, la manifestazione di Menfi dedicata al vino e all’enoturismo, promossa dal comune di Menfi (Agrigento) e dalle cantine Settesoli, e patrocinata dagli assessorati regionali all’Agricoltura e al Turismo. L’evento è stato presentato stamattina, a palazzo d’Orleans, dagli assessori regionali all’Agricoltura, Michele Cimino, e al Turismo, Nino Strano, insieme al sindaco di Menfi, Michele Botta.

Per l’assessore all’Agricoltura, Michele Cimino “Creare un forte legame tra agricoltura, turismo, ambiente e cultura, rappresenta una leva strategica per lo sviluppo economico di un qualsiasi territorio. Questa tre giorni dedicata al vino, grazie a ‘momenti enogastronomici’ eccellenti, è un esempio concreto di contributo a un modello di sviluppo integrato, in cui la conoscenza del territorio è finalizzato a una più globale fruizione, capace di accogliere il consumatore più esigente”.

“Sono convinto – ha spiegato Cimino – che solo uno sviluppo integrato può garantire un requisito importante: la durata nel tempo e una crescita costante. Il capitale culturale di un territorio, fatto di storia, tradizioni e buone pratiche, è la chiave per promuovere lo sviluppo economico e favorire l’occupazione attraverso la diversificazione dell’attività”. “Dal concetto di ‘ruralità’ – ha spiegato ancora l’assessore – carico di connotazioni di carattere naturale e culturale, stanno ormai emergendo nuove forme di attività legate all’ambiente, al territorio e all’enogastronomia. Da qui la nuova programmazione del governo: l’affermazione di un percorso di sviluppo che sia adeguato e in sintonia con i cambiamenti”.

“La rivoluzione della domanda turistica avvenuta in questi anni – ha detto Nino Strano – ha imposto una trasformazione dell’offerta, che deve essere sempre più diversificata. L’enoturismo, oggi non è quindi più un comparto di nicchia, ma una risorsa trasversale e coniugabile con le altre forme di attrazione del turista, sia organizzato che individuale. L’enogastronomia può divenire ulteriore strumento di valorizzazione del territorio, aggiungendosi agli altri elementi che lo contraddistinguono, siano artistici, ambientali, storici o culturali, e in casi di eccellenza, perfino sostituendoli. La nostra regione – ha concluso Strano – crede e sostiene l’enoturismo come strumento per lo sviluppo economico, sociale ed ecosostenibile della Sicilia”.

Laboratori del gusto e presidi Slowfood, incontri con i produttori all’enoteca delle Terre Sicane, convegni, tavole rotonde, talkshow, mostre, parate e spettacoli d’arte. Inycon rappresenta, oggi, la festa del vino più grande d’Italia: i cortili del centro storico di Menfi ospiteranno una rassegna di vini di qualità dei migliori produttori nazionali, insieme ad assaggi e degustazioni di specialità gastronomiche della migliore tradizione culinaria siciliana. Quest’anno, uno spazio particolare sarà destinato anche agli alunni delle scuole primarie che saranno coinvolti in laboratori didattici e nello spettacolo d’arte “Innesti di vite”, che vedrà la partecipazione di Antonella Ruggiero e del primo ballerino del teatro dell’Opera di Roma, Riccardo Di Cosmo.

Ci saranno anche momenti di riflessione, come la tavola rotonda “Sviluppo delle infrastrutture irrigue del Mezzogiorno d’Italia”, a cui interverrà, fra gli altri, anche il sottosegretario all’Agricoltura, Antonio Buonfiglio; il convegno “EnoTurismo, risorsa per uno sviluppo sostenibile”, in cui verrà lanciato il nuovo “Circuito di Bacco”, che oltre all’assessore Strano, vedrà, tra gli altri, la presenza di Carlo Modica de Mohac, capo di gabinetto del ministro del Turismo e di Marco Salerno, dirigente generale del dipartimento regionale Turismo; la presentazione del libro, curato dalle soat di Menfi e Ribera, “La Sicilia vista da qui”.

“Nei giorni in cui si sta concludendo la vendemmia – ha detto il sindaco di Menfi, Michele Botta – facciamo il punto sulle risorse, sullo sviluppo, sull’agricoltura e sul turismo con tre giorni di incontri, degustazioni, mostre e spettacoli dedicati al vino. La nostra idea vede insieme, in un connubio imprescindibile, economia e cultura, sviluppo agricolo e turistico con la storia, la natura, i prodotti straordinari che sono propri di Menfi e che Menfi mette a disposizione con spirito di accoglienza”.

Per maggiori informazioni sulla manifestazione: www.inyconmenfi.com.

A Menfi oltre un milione e mezzo di euro per ristrutturare una nuova ala di palazzo Planeta

Oltre un milione e mezzo di euro per la ristrutturazione di una nuova ala dello splendido edificio storico di Palazzo Planeta, destinato a diventare, oltre che Enoteca delle Terre Sicane anche centro culturale per la valorizzazione delle risorse e delle tradizioni locali.

Palazzo Planeta - la facciata laterale in via corso dei Mille a Menfi

Palazzo Planeta - la facciata laterale in via corso dei Mille a Menfi

Nell’ambito del Programma di Promozione degli Interventi di recupero finalizzati al miglioramento della qualità della vita e dei servizi pubblici urbani nei comuni della Regione Siciliana, infatti, il Comune di Menfi è stato ammesso a finanziamenti regionali, da parte dell’assessorato regionale ai Lavori Pubblici, per un totale di 1.525.805,70 euro per le Opere di ampliamento funzionale di palazzo Planeta.

Fin dal suo insediamento, il Sindaco di Menfi, Michele Botta, è intervenuto presso la Regione Siciliana presentando nuova progettazione e nuove richieste di finanziamento con l’obiettivo di sbloccare anche richieste di finanziamento degli anni passati.

“Dobbiamo recuperare i finanziamenti persi in questi anni – dichiara Botta – ma anche ottenere in tempi brevi ciò che era già ritenuto accoglibile dagli Uffici regionali e che ancora non è stato erogato. In questo senso – prosegue il Sindaco – accogliamo con soddisfazione la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana della graduatoria dei progetti ammessi a finanziamento”.

Nella provincia di Agrigento solo altri sei comuni con popolazione superiore ai diecimila abitanti sono rientrati, con Menfi, in questa graduatoria dell’assessorato regionale dei Lavori pubblici.

Anche a Menfi Calici di Stelle 2009: un brindisi all’Italia del vino responsabile

Un brindisi sotto il cielo di San Lorenzo con il prestigioso vino del territorio, coniugando il piacere della degustazione ai prodotti tipici espressione del patrimonio gastronomico locale. Anche l’Amministrazione comunale di Menfi aderisce a “Calici di Stelle”, un evento promosso dall’Associazione Nazionale Città del Vino e il Movimento del Turismo del Vino diventato uno degli appuntamenti più importanti e consolidati dell’estate italiana.

L’invito è a Porto Palo, a partire dalle 20.30, per il 10 agosto, notte di San Lorenzo, quando il cielo s’illumina con le scie delle stelle cadenti. Gli eno-appassionati potranno incontrarsi nei centri storici e nelle più belle piazze delle Città del Vino italiane e a Menfi, città del Vino per eccellenza, la manifestazione si svolgerà presso la località marina di Porto Palo, dove sul lungomare saranno allestiti banchi d’assaggio con vini del territorio offerti da esperti sommelier. Nella serata il pubblico potrà anche degustare prodotti tipici sulle note di musica etno suonata live da artisti della zona in concerto.

“Calici di Stelle” sarà ancora una volta l’occasione per promuovere un messaggio importante: quello del consumo consapevole del vino.

“È necessario, ora più che mai – dice Valentino Valentini, presidente dell’Associazione nazionale Città del Vino – dare al pubblico un forte segnale dell’impegno di tutto il settore vitivinicolo, istituzioni e vignaioli in testa, affinché manifestazioni come questa siano occasioni sempre più mirate a far conoscere e apprezzare il vino secondo un consumo consapevole e sicuro”.

Menfi, verso una razionalizzazione la raccolta dei rifiuti a Porto Palo‏

L’Amministrazione comunale di Menfi continua a impegnarsi per una raccolta razionale dei rifiuti. Di concerto con la Sogeir (Ato Ag1) e i gestori dei locali, infatti, è stata appena rimossa l’Isola ecologica situata sul rettilineo all’ingresso di Porto Palo, mentre i cassonetti sul lungomare sono stati riposizionati a causa degli incivili abbandoni di rifiuti che hanno causato ingenti cumuli di spazzatura difficili da gestire. Da oggi, dunque, nella località balneare di Porto Palo, la spazzatura può essere conferita nell’area portuale, dove sono stati disposti i cassonetti, e nella nuova piazzola creata ad hoc sulla strada che costeggia la Foce Mirabile. A favorire l’iniziativa anche la collaborazione dei gestori dei locali che si sono impegnati a effettuare la raccolta differenziata.

“Auspichiamo la collaborazione civile dei cittadini affinché non ci siano più depositi incontrollati dirifiuti – è l’appello del sindaco Michele Botta –. Credo sia nell’interesse di tutti mantenere integra epulita l’immagine della nostra città, specie d’estate quando ospitiamo migliaia di turisti ogni giorno. Per questo motivo abbiamo sollecitato anche le forze dell’Ordine chei naspriranno i controlli e non esiteranno a elevare le multepreviste dalla legge”.

L’appello al senso civico e alla responsabilizzazione viene anche dall’assessore all’Ambiente Silvio Sbrigata:

“Ricordiamo che è sempre attivo il Servizio Gratuito per il ritiro dei Rifiuti Ingombranti a disposizione dei Cittadini, ogni giorno, dalle 8 alle 14, semplicemente chiamando il numero 0925.71334. Negli stessi orari è inoltre possibile conferire questitipi di rifiuti, sempre gratuitamente, presso il CCR (Centro Comunale di Raccolta), sito in Contrada Mandrazzi”.