Rinnovabili, a Menfi non si potrà più investire. Opporsi è un potere/dovere dei cittadini

L'AMMINISTRAZIONE DI MENFI AL LAVORO SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2011. L'ASSESSORE NAPOLI: “CONTI RISANATI, TAGLIATE DI UN MILIONE E MEZZO DI EURO LE SPESE CORRENTI DEL COMUNE"

Con un avviso pubblicato sul sito internet del Comune di Menfi, il Sindaco ha reso noto che, ai sensi dell’art. 3 della L.R. n. 71/78, si trovano depositati per venti giorni consecutivi decorrenti dal 17/01/2014 al 06/02/2014 presso l’ Ufficio Tecnico Comunale di  via Mazzini n. 1,  gli atti relativi all’Adozione del “Regolamento per la realizzazione e l’installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili”, a modifica ed integrazione del Regolamento Edilizio e delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano Regolatore Generale, che era stato approvato con la delibera del consiglio comunale n. 92 del 27.12.2013.

Con questo regolamento, nell’intero territorio di Menfi non sarà più possibile istallare qualsiasi tipo di impianto di energia da fonte rinnovabile, così da potere ricavare dei risparmi con i quali ammortizzare le numerose spese familiari e, soprattutto, le svariate tasse ed imposte che Stato, Regione e Comune ogni giorno si inventano per vessare i cittadini

A tale regolamento oscurantista e ai relativi allegati, chiunque potrà presentare osservazioni od opposizioni scritte fino alla data del 16/02/2014.

Un regolamento che potrebbe essere affetto da profili di illeggitimità , visto che questo è stato proposto come una variante al piano , ma non ha seguito per intero l’iter previsto dalla legge 71/78 e cioè approvazione direttive da parte del Consiglio Comunale, adozione, ecc…

Ai cittadini viene proposto un regolamento che modifica gli strumenti urbanistici nonostante l’affermazione resa in sede di consiglio comunale dal Sindaco lotà durante il comizio di presentazione della proposta: “questo regolamento è un regolamento transitorio poiché quello definitivo sarà quello del PAES che si dovrà realizzare, quindi quello approvato non ha valore di legge.”

OPPORSI è un potere previsto dalla legge. Quando si impedisce alla cittadinanza di raggiungere gli obiettivi posto dall’agenda 2020 sull’energia rinnovabile, allora diventa un DOVERE

Comune di Menfi, con taglio indennità risparmiati oltre 32mila euro in sette mesi

Stipendi ridotti del 30% per sindaco, giunta, segretario e presidente del Consiglio 

Solo negli ultimi sette mesi oltre trentaduemila euro di risparmio per il Comune di Menfi grazie al taglio delle indennità messo in atto dal sindaco Michele Botta. Una riduzione del trenta per cento sull’indennità del primo cittadino, della giunta comunale, del presidente del Consiglio comunale e del Segretario generale che supera i 4.600 euro al mese già da settembre 2012. In dettaglio, solo l’intera giunta (sindaco e sette assessori) rinunciano complessivamente a circa 3.700 euro mensili. In realtà il sindaco Botta ha tagliato il suo stipendio già da tre anni insieme alla giunta, in modo da affrontare in prima persona il lungo periodo di crisi economico-finanziaria:

Immagine«Non amiamo sbandierare questo tipo di iniziative – rimarca il sindaco Botta – ma è giusto che si sappia che siamo in prima linea su ogni fronte per gestire al meglio questo Comune, così come farebbe un buon padre di famiglia. Non è un merito, ma un dato di fatto: dare l’esempio ci è parsa una scelta naturale e ovvia, mentre altrove addirittura ci sono amministratori che si alzano lo stipendio. Io ho detto da tempo di essere disponibile a ridurmi lo stipendio anche del 50 per cento per la mia città e se dovessero ripresentarsi situazioni di bilancio in sofferenza mi dico sin da ora pronto a rinunciare totalmente alla indennità prevista dalla legge qualora decidessi di ricandidarmi a sindaco di Menfi. Mi auguro – conclude Botta – di non essere il solo ad andare in questa direzione e che il ruolo di sindaco sia inteso da chiunque guidi l’Amministrazione della città con spirito di servizio così come da me vissuto in questi cinque anni».

Menfi, comunali 2013: Rinnovata fiducia al Sindaco Botta

Si è svolta ieri sera in una pizzeria del centro menfitano, una riunione conviviale col sindaco Michele Botta, tutti gli assessori e il gruppo di dieci consiglieri di maggioranza che sostengono il primo cittadino. L’incontro è stato anche occasione per fare il punto sullo stato di attuazione del programma e per cominciare a strutturare insieme strategie e piani programmatici in vista delle imminenti elezioni amministrative. Da parte di tutti i gruppi consiliari e partitici che sostengono l’amministrazione Botta è stato ribadito di rinnovare il proprio sostegno al sindaco Michele Botta, che ha confermato di tener fede agli impegni presi con la città, attestandosi come guida responsabile e meritevole di fiducia. L’obiettivo è quello di continuare a convogliare le rispettive forze perché si è rivelato un sistema efficace, anche in un momento di grande crisi mondiale, per la crescita stabile di Menfi.

Menfi, deliberato ulteriore taglio delle indennità di funzione per Sindaco, Assessori e Dirigenti del 30%

Il Sindaco di Menfi Michele Botta rende noto che la Giunta Comunale ha deliberato un ulteriore taglio dell’indennità di funzione per Sindaco, Assessori e Segretario Generalepari al 30% e per la Dirigenza del 10%.

Come annunciato a fine agosto quando facemmo un primo taglio del 10% delle indennità, abbiamo deliberato un ulteriore taglio del 30% che stavolta coinvolge, oltre alla giunta, anche l’indennità prevista per il Segretario Generale e del 10% gli incaricati di posizione organizzative.
Questo taglio si inserisce in un contesto  di “spending review” del Governo centrale che, da un lato, diminuisce i trasferimenti, dall’altro, impone ai comuni di aumentare la pressione fiscale.
La politica, nonostante sia investita da scandali quotidiani, come quello del PDL Laziale, può riacquistare la propria credibilità tramite gesti che vengono richiesti a gran voce dalla gente, anche se questi peserebbero di più se effettuati dai livelli di rappresentanza nazionale e regionale.
Questi sono fatti. Gli altri solo chiacchiere e apparenza”

Menfi, oggi l’avvio delle festività natalizie. Il Sindaco Botta accende l’albero di Natale in piazza Vittorio Emanuele

natale a menfiStasera alle ore 19.00, il Sindaco e l’Amministrazione comunale, insieme ai rappresentanti del clero e del volontariato, accenderanno l’Albero di Natale in piazza. Cominceranno così gli eventi del Natale 2011 della città di Menfi il cui programma verrà presentato nei prossimi giorni.

Dopo la cerimonia di accensione delle luminarie, il simulacro dell’Immacolata concezione verrà portato in processione per le vie del centro.

Ogni anno, infatti, l’8 dicembre ricorre la festa dell’Immacolata, ricorrenza particolarmente sentita tra la cittadinanza menfitana. Ma l’8 dicembre segna anche l’inizio delle festività “profane” del periodo natalizio.

Ancora minacce al Sindaco

Una busta contenente una lettera con minacce di morte, per la seconda volta in poco tempo, é stata recapitata al sindaco di Menfi, Michele Botta.  L’ha trovata nella cassetta della posta, nel primo pomeriggio di ieri, al ritorno a casa, dal Comune.  Botta, per la seconda volta è stato destinatario di una grave intimidazione.

La Giunta comunale esprime solidarietà al sindaco per il vile atto intimidatorio di cui è stato nuovamente vittima.  L’azione amministrativa portata avanti da Botta si è contraddistinta per la legalità e la salvaguardia del territorio, nel rispetto dei diritti dei cittadini e della tutela di ogni forma di libertà. La Giunta esprime piena solidarietà e pieno sostegno all’opera intrapresa dal sindaco e all’impegno che lo stesso continuerà portare avanti dalla parte dei cittadini onesti, contro le speculazioni ed i gruppi di interesse. I componenti la Giunta ritengono che l’allarmante azione contro il sindaco colpisce la società che lavora e produce per la crescita ed il benessere della comunità.

Certi che ogni Istituzione preposta si adopererà contro questo ed altri spiacevoli episodi, i componenti della Giunta, nel restargli vicino in questo particolare momento, esprimono tutta la loro solidarietà ed il loro sostegno personale ed amministrativo.
Ogni volta che un cittadino, o un uomo delle istituzioni, è fatto oggetto di intimidazioni per le sue scelte o per le sue posizioni siamo di fronte ad un problema di tutti indipendentemente dalle posizioni politiche di ognuno di noi. Ecco perchè condanniamo con fermezza il vile gesto e auspichiamo che le forze dell’ordine possano in breve tempo fare chiarezza.

Anche il Presidente del Consiglio comunale di Menfi, Antonino Buscemi, a nome di tutto il Consiglio comunale, e per esso della città, esprime piena solidarietà al sindaco Michele Botta destinatario di lettere intimidatorie.

“Non l’avranno vinta: continuerò …

“Non l’avranno vinta: continuerò nella mia attività amministrativa”. Così il Sindaco di Menfi, Botta, dopo le minacce http://ow.ly/37w6o