Anche il Sindaco di Menfi Michele Botta aderisce alla Scorta Civica per il magistrato antimafia Salvatore Vella

La decisione di privarlo della macchina blindata lo pone in situazione di serio pericolo e lo rende facile obiettivo di eventuali rappresaglie da parte delle cosche mafiose agrigentine duramente colpite dalle sue indagini. Il territorio agrigentino è infestato da organizzazioni criminali sanguinarie e agguerrite che non hanno esitato ad uccidere magistrati ed esponenti delle forze dell’ordine; secondo l’ultima relazione semestrale della Dia al Parlamento, rimane un solido assetto per Cosa nostra siciliana, come si evince dalla presenza di 41 famiglie note alle Forze di polizia. Si tratta di una decisione, quanto meno, infelice e che potrebbe rivelarsi foriera di conseguenze drammatiche.

Il Sindaco di Menfi chiede, quindi, al Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico di rivedere la scelta e di ripristinare immediatamente il livello di protezione precedente al dott. Vella. Deve essere garantita, in tempi brevi, la giusta serenità al magistrato.

Sono pronto ad aderire alla “scorta civica”, composta da semplici cittadini, con lo scopo di non lasciare solo Vella e di difenderlo dalle conseguenze nefaste degli errori statali. Il ruolo della scorta civica sarà cercare di far capire alle Istituzioni che siamo in un momento delicato e bisogna fare di tutto per salvaguardare l’incolumità ai magistrati antimafia.

Annunci

Giovedì Santo della legalità

Goivedì 21 aprile alle ore 17:00 nell’area artigianale (zona PIP) in prossimità degli stabilimenti di Casa del Tortellino e Tecnopali il Sindaco di Menfi, Michele Botta inaugurerà tutte le Vie della zona intitolate a vittime della mafia alla presenza della Presidente dell’associazione familiari vittime di mafia, Alfano, e di Salvatore Vella Sostituto procuratore della DDA di Palermo.

A seguire, alle 18:00 presso la Biblioteca Comunale in Piazza Vittorio Emanuele, ci sarà la presentazione del libro “la zona d’ombra”.
Saluti:
Ascanio de Gregorio
Patrizia Amato
Michele Botta

Relatori:
Sonia Alfano autrice del libro,
Ignazio Cutrò testimone di giustizia,
Salvatore Vella Sostituto Procuratore DDA Palermo,
Nicola Biondo Giornalista Scrittore autore de Il Patto.
Seguirà un dibattito in Sala, moderatore Benny Calasanzio

Minacce al Sindaco Botta. La terza intimidazione

E’ emergenza intimidazione in provincia di Agrigento.
Un crescendo di minacce e violenza che sembra non arrestarsi. Oltre il pm, Salvatore Vella, minacciato durante un convegno a Bivona di cui vi raccontiamo in altre pagine del giornale e dopo i “messaggi” tutt’altro che amichevoli ricevuti da imprenditori e pubblici amministratori (l’ultimo in ordine di tempo il sindaco di Siculiana, Mariella Bruno) ancora minacce per il sindaco di Menfi, Michele Botta, medico di 56 anni, al quale ignoti intimidatori hanno recapitato all’interno della cassetta della posta di casa sua, una busta con un messaggio con il quale gli si “ordinava” di lasciare il proprio incarico di sindaco. Michele Botta, da tempo è nel mirino di ignoti malviventi che tentano di “sollevarlo” dall’incarico con atteggiamenti e azioni di pretto stampo mafioso. E’ la terza lettera di minacce che gli viene recapitata in pochissimo settimane. Le precedenti lettere, sempre contenenti minacce di morte, sono state recapitate nel gennaio scorso a distanza di pochi giorni l’una dall’altra.
I carabinieri prontamente avvisati stanno conducendo le indagini. Non si esclude l’imminente intervento della Direzione distrettuale antimafia di Palermo e quello del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal prefetto, Francesca Ferrandino.

(fonte Grandangolo )