Menfi, aggiudicati i lavori per il rifacimento dei cortili storici della città

Il progetto comunale di riqualificazione urbana vale tre milioni di euro

 

cortili menfiSono stati aggiudicati con la supervisione dell’Urega, a Menfi, i lavori per completare la riqualificazione del centro storico di Menfi con il progetto presentato dal Comune “Lavori di risanamento del vecchio centro – opere di urbanizzazione primarie e della riqualificazione dei cortili storici e delle aree residuali, 2° stralcio”, per un importo finanziato di € 2.746.429,09 e un totale di € 2.964.235,02.

Quasi tre milioni di euro ottenuti con decreto del Dipartimento Regionale della Famiglia per il progetto comunale ammesso a finanziamento, uno dei tanti progetti del PIST presentati nella seconda finestra del P.O. F.E.S.R. 2007-2013 – Linea di intervento 6.2.2.2 (Menfi Centro) e già dichiarati ammissibili dal dipartimento programmazione della Regione siciliana.

“Il  Comune di Menfi era privo di un parco progetti degno di tale nome e abbiamo dovuto lavorare sodo per cambiare la rotta e investire su progettualità importanti per il medio e lungo periodo – dice il Sindaco Michele Botta –.

In questi cinque anni abbiamo lavorato tanto sul fronte della programmazione e della progettazione: presto la città comincerà a vedere i primi frutti.  Ad esempio, sono già partiti anche i lavori per il rifacimento della seconda ala di Palazzo Planeta per il quale questa Amministrazione aveva ottenuto un finanziamento di 1.300.000 euro: un’ulteriore dose di fiducia per la città in tema di economia e occupazione”.

Belice, il Coordinamento dei Sindaci incontra il Presidente Crocetta

NASCERÀ UNA COMMISSIONE SPECIALE PER LA RICOSTRUZIONE E LO SVILUPPO

Botta con Crocetta e Catania a Palazzo d’Orleans

Una commissione speciale per il Belice, che elabori proposte per la soluzione della ricostruzione post terremoto, ma anche per individuare percorsi idonei a rilanciare lo sviluppo economico del territorio, nella imminente fase di riprogrammazione dei fondi strutturali, nei quali dare una corsia preferenziale ai Comuni belicini principalmente per le opere di urbanizzazione primaria e secondaria.

È uno dei risultati ottenuti dal Coordinamento dei Sindaci del Belice, ricevuti a Palazzo d’Orleans dal Presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, alla presenza del Dirigente Regionale, Vincenzo Falgares, e del Segretario Generale, Patrizia Monterosso. Il coordinatore Nicola Catania, il suo vice Michele Botta e una delegazione dei Sindaci hanno discusso e analizzato la particolare condizione in cui versano i Comuni belicini non soltanto relativamente alla questione del completamento della ricostruzione, ma anche al fine di mettere al centro della Agenda politico-istituzionale della Regione la “Questione Belice”.
Il coordinamento dei Sindaci ha relazionato al Presidente Crocetta il lavoro svolto in questi anni che, recentemente, ha prodotto uno stanziamento di 45 milioni di euro per la Valle del Belice, ritenuto un risultato storico per il territorio, se si pensa al periodo recessivo per l’economia del Paese. Tra le richieste avanzate al Presidente Crocetta, oltre allo sblocco dei fondi ottenuti, l’elaborazione di un progetto di sviluppo delle aree interne al Belice che si origini attraverso la programmazione dei fondi strutturali 2014-2020; un assenso chiaro e risolutivo, da parte del Governo Regionale, per l’approvazione del disegno di legge “Disposizioni per la riqualificazione ambientale e il completamento della ricostruzione nei comuni belicini colpiti da evento sismico nel gennaio del 1968” il cui iter è fermo alla 5° Commissione del Senato della Repubblica.
Dal Presidente Crocetta è arrivata totale apertura e massima disponibilità nei confronti delle proposte del coordinamento. Nell’incontro, inoltre, è stato notificato al Presidente il totale dissenso, l’ennesimo “No”, alle trivellazioni nel Valle del Belice e, per questo, è stato lanciato un monito, al Governatore della Regione, affinché faccia il possibile per bloccare la realizzazione dell’attività di ricerca e sfruttamento di idrocarburi nel territorio belicino.

Agricoltura: c’è tempo fino al 21 dicembre per chiedere contributi alla Regione

Grazie ad un’apposita proroga, è stato spostato al 21 dicembre il termine ultimo per presentare le richieste di ammissibilita’ ai contributi in conto capitale. Questa opportunità potrà essere colta dalle imprese agricole, socie di cooperative (es. Settesoli, La Goccia D’Oro) o di societa’ di capitali.

Le domande dovranno essere inviate al dipartimento per gli Interventi strutturali in agricoltura dell’assessorato regionale alle Risorse agricole e alimentari in un determinato lasso temporale: cioè dalle ore 8 di giorno 20 alle ore 17 di giorno 21 dicembre.

Per assicurare il rispetto cronologico, le richieste dovranno essere inviate utilizzando la PEC (posta elettronica certificata), all’indirizzo serviziosupportoimprese@pec.psrsicilia.it . Fara’ fede la data e l’ora di ricezione.

(belicenews)

Menfi, rinnovabili: finanziato progetto mini eolico. Il Sindaco Botta: “servirà ad abbattere la bolletta dell’acqua ai cittadini”

Il comune di Menfi ottiene un nuovo finanziamento regionale a valere sui fondi europei POR 2007/2013.

L’amministrazione comunale guidata dal Sindaco Michele Botta aveva presentato alla Regione siciliana il progetto per la costruzione di un campo eolico composto da tre mini torri da realizzarsi in contrada feudotto a servizio dei pozzi comunali. E’ di oggi la notizia che il progetto è stato approvato e finanziato con il D.D.G. n. 480/2012 dell’assessorato all’energia per un importo pari a 320mila euro.

“Con questo ulteriore finanziamento – dichiara il Sindaco Michele Botta – il Comune di Menfi coniugherà innovazione, attenzione alle energie rinnovabili e perseguimento della politica dell’acqua quale bene comune. Il mini parco eolico, infatti, servirà ad abbattere i costi di energia elettrica per l’erogazione del servizio idrico integrato, tendendo, nel lungo periodo, all’abbattimento della bolletta dell’acqua ai cittadini menfitani”.

L’amministrazione Botta si è particolarmente distinta per una particolare attenzione alla politica energetica, tra le prime in Sicilia ad avviare il processo per l’approvazione del PEAC, ad investire sugli impianti fotovoltaici per le strutture pubbliche e a programmare progetti di sviluppo urbano che tengono conto delle nuove forme di energie alternative con l’obiettivo di produrre da rinnovabili  l’energia consumata e, quindi, ottenere un bilancio energetico attivo.

Napoli: “il consigliere Buscemi afferma cose non vere cambiando anche il tempo dei verbi ai documenti ufficiali della Regione”

In merito alla questione finanziaria legata alla manifestazione Inycon, l’assessore al Bilancio del Comune di Menfi, dott. Ignazio Napoli, risponde alle invettive del Consigliere comunale Enzo Buscemi allegando documenti ufficiali e spiegando le procedure  di finanziamento degli eventi di grande richiamo turistico della Regione Siciliana.

“Il consigliere comunale Buscemi non ha chiari alcuni elementi e sarebbe opportuno che approfondisca la tematica dei fondi strutturali in quanto normati attraverso regolamenti comunitari che evidentemente non conosce o meglio non vuole conoscere diffondendo notizie errate.

Il consigliere Buscemi afferma:La Regione Sicilia ha comunicato, con il Decreto Assessoriale n. 241 del 30/05/2012 che “la linea operativa por fers 2007/2013 non presenta alcuna disponibilità finanziaria” chi opera nel settore delle manifestazioni pubbliche sa che la Regione non finanzierà manifestazioni come Inycon (escluse quelle assunte a titolarità tra le quali non rientra INYCON”.

La Regione, invece, nel citato decreto afferma esattamente:

CONSIDERATO che, al 30.06.2011, termine, per altro ordinatorio, previsto dalla l.r 2/02 per l’approvazione del predetto calendario, la linea operativa pofesr 2007/2013 non presentava alcuna disponibilità finanziaria e che conseguenzialmente si è ritenuto opportuno posticipare l’approvazione di detto calendario successivamente all’acquisizione delle necessarie risorse finanziarie, anche tramite storno da altre linee di intervento

In sintesi solo dopo aver accertato la disponibilità finanziaria è possibile fare il calendario regionale e conseguentemente presentare le istanze di finanziamento, cosa ben diverse da quello che il consigliere Buscemi afferma.

Inoltre è vero il taglio c’è stato ma solo per le manifestazioni finanziate con la famosa tabella H (cioè quella dei raccomandati!), che sono solo quelle aiutate con fondi regionali e non comunitari inserita nel bilancio regionale e impugnata dal commissario dello stato. Tutte le altre, tra cui Inycon saranno finanziate con i fondi del po fesr attraverso la circolare di prossima pubblicazione (il dott Marco Salerno direttore del dipartimento ha anticipato da notizie di stampa che verra’ pubblicata la settima approssima).

Quindi il consigliere Buscemi afferma cose non vere cambiando anche il tempo dei verbi ai documenti ufficiali della Regione.

Se questa è la premessa c’è ben poco da discutere per il resto nelle sedi opportune discuteremo dei fatti o delle falsità”.
Ignazio Napoli

Sicilia: oggi a Palazzo d’Orleans la firma dell’Accordo di programma per l’Asse VI

AsseVI po fesr pistSarà approvato oggi l’Accordo di Programma per l’attuazione dell’Asse VI “Sviluppo urbano sostenibile” del PO FESR Sicilia 2007-2013 tra il Presidente della Regione Siciliana, i Dipartimenti Responsabili delle 27 linee di intervento e i Sindaci beneficiari dei finanziamenti. Tra questi c’è il Sindaco del Comune di Menfi (AG), Michele Botta, per la coalizione n. 4 “Terre Sicane – Sciacca”. 

“L’Accordo di programma che sarà firmato oggi – dichiara il Sindaco Botta –  è finalizzato ad accelerare e qualificare il processo di sviluppo territoriale urbano attraverso una più stretta cooperazione tra Regione Siciliana e Coalizioni Territoriali. Con questo Accordo, questa parte della provincia di Agrigento beneficerà di € 20.052.928,09 di finanziamenti europei e la città di Menfi godrà del finanziamento per i Lavori di risanamento del vecchio centro, per un importo complessivo di € 2.964.235,02”.

L’accordo di programma per il finanziamento e l’attuazione delle operazioni ammesse a finanziamento  sarà sottoscritto oggi alle ore 16.30 presso la sede della Presidenza della Regione di  Palazzo d’Orleans.

Sicilia, Ars: in IV commissione la legge per la gestione pubblica dell’acqua. Sindaco Botta: “sono fiducioso perché è una legge voluta dalla gente”

Palermo, 06/03/12

Oggi la IV Commissione ARS Ambiente e territorio metterà in discussione la Proposta di legge regionale di iniziativa Popolare e dei Consigli Comunali per la gestione pubblica dell’acqua in Sicilia (“Principi per la tutela, il governo e la gestione pubblica delle acque. Adeguamento della disciplina del servizio idrico alle risultanze del referendum popolare del 12 – 13 giugno 2011”). Si tratta del primo passaggio per l’approdo in aula del testo di legge, il primo, nella storia siciliana, ad iniziativa popolare ai sensi dell’articolo 12 dello Statuto. Per sollecitare l’approvazione “integrale e senza stravolgimenti” della proposta, dalle ore 10.30 i promotori della legge, tra cui esponenti di associazioni e numerosi sindaci provenienti da tutta la Sicilia, tengono un sit in davanti Palazzo dei Normanni.

“Sono fiducioso sulla positiva conclusione dell’iter parlamentare di questa proposta di legge – dice Michele Botta, sindaco di Menfi, primo firmatario del ddl di iniziativa dei consigli comunali – perché si tratta di un tema sostenuto non da una parte politica, ma dalla gente. E quindi i nostri rappresentanti parlamentari non possono essere ciechi e non tenere conto di questa volontà”

L’esame della Commissione Ambiente arriva ad oltre un anno e mezzo dal deposito alla Regione Siciliana (7 settembre del 2010) delle 35 mila firme di cittadini siciliani raccolte a sostegno della proposta di legge. Il ddl è stato sottoscritto anche da 140 Consigli comunali.