Rinnovabili, a Menfi non si potrà più investire. Opporsi è un potere/dovere dei cittadini

L'AMMINISTRAZIONE DI MENFI AL LAVORO SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2011. L'ASSESSORE NAPOLI: “CONTI RISANATI, TAGLIATE DI UN MILIONE E MEZZO DI EURO LE SPESE CORRENTI DEL COMUNE"

Con un avviso pubblicato sul sito internet del Comune di Menfi, il Sindaco ha reso noto che, ai sensi dell’art. 3 della L.R. n. 71/78, si trovano depositati per venti giorni consecutivi decorrenti dal 17/01/2014 al 06/02/2014 presso l’ Ufficio Tecnico Comunale di  via Mazzini n. 1,  gli atti relativi all’Adozione del “Regolamento per la realizzazione e l’installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili”, a modifica ed integrazione del Regolamento Edilizio e delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano Regolatore Generale, che era stato approvato con la delibera del consiglio comunale n. 92 del 27.12.2013.

Con questo regolamento, nell’intero territorio di Menfi non sarà più possibile istallare qualsiasi tipo di impianto di energia da fonte rinnovabile, così da potere ricavare dei risparmi con i quali ammortizzare le numerose spese familiari e, soprattutto, le svariate tasse ed imposte che Stato, Regione e Comune ogni giorno si inventano per vessare i cittadini

A tale regolamento oscurantista e ai relativi allegati, chiunque potrà presentare osservazioni od opposizioni scritte fino alla data del 16/02/2014.

Un regolamento che potrebbe essere affetto da profili di illeggitimità , visto che questo è stato proposto come una variante al piano , ma non ha seguito per intero l’iter previsto dalla legge 71/78 e cioè approvazione direttive da parte del Consiglio Comunale, adozione, ecc…

Ai cittadini viene proposto un regolamento che modifica gli strumenti urbanistici nonostante l’affermazione resa in sede di consiglio comunale dal Sindaco lotà durante il comizio di presentazione della proposta: “questo regolamento è un regolamento transitorio poiché quello definitivo sarà quello del PAES che si dovrà realizzare, quindi quello approvato non ha valore di legge.”

OPPORSI è un potere previsto dalla legge. Quando si impedisce alla cittadinanza di raggiungere gli obiettivi posto dall’agenda 2020 sull’energia rinnovabile, allora diventa un DOVERE

Menfi, istituito Ufficio di Piano “interno” per il nuovo Piano Regolatore Generale

Compie un altro passo avanti l’iter per l’approvazione della variante generale del Piano Regolatore Generale di Menfi.

Nell’ambito del rapporto subordinato all’Assessorato Regionale Territorio ed Ambiente, è stato, infatti, istituito l’Ufficio di Piano “interno” per la formazione del nuovo Piano Regolatore Generale.

L’Ufficio di Piano è composto da sette membri dell’ufficio tecnico comunale, quattro capisettori e tre funzionari amministrativi, che avranno il compito di redigere il nuovo strumento urbanistico sulla base delle direttive che l’Amministrazione Botta ha condiviso con la città e che sono state già approvate dal consiglio comunale.

L’iter sin qui seguito ha, quindi, visto l’approvazione delle direttive generali di variante al Prg da parte del Consiglio comunale, il contributo di cittadini, gruppi politici e associazioni durante l’assemblea popolare presso il centro civico, il parere della commissione consiliare Lavori pubblici e Urbanistica.

Approvate le direttive di variante generale al PRG

Il Consiglio comunale di Menfi ha approvato le direttive di variante al Piano Regolatore Generale, uno dei punti più importanti del programma amministrativo del Sindaco Botta.
Sulle direttive di variante al Piano regolatore generale di Menfi, discusse pubblicamente con l’apporto e le osservazioni di cittadini, gruppi politici e associazioni durante l’assemblea popolare dell’1 febbraio 2009, c’era già il parere favorevole della commissione consiliare Lavori pubblici e Urbanistica.
Il Sindaco, Michele Botta, ha proposto un maxiemendamento che ha tenuto conto di tutti gli apporti migliorativi proposti per dare impulso e sviluppo alla città, integrando le volontà dei cittadini con il programma amministrativo.

“Sono soddisfatto – dice il Sindaco Botta – per l’approvazione delle Direttive, così come emendate dalle nostre idee di sviluppo, tese a integrare lo sviluppo agricolo con quello turistico con particolare riguardo alla fascia costiera, e a individuare regole certe rispetto alle nuove problematiche di tipo ecologico ed energetico”.
Il dibattito in Consiglio è il primo fondamentale passo di un iter di miglioramento che prevede anche la ricezione delle istanze dei singoli cittadini all’istituendo Ufficio di piano presso l’Ufficio tecnico.

Menfi, le direttive di variante al Prg presto in Consiglio Comunale Via ai piani di recupero per Porto Palo

Le direttive di variante al Piano regolatore generale di Menfi arriveranno presto in Consiglio comunale, dove verranno discussi i singoli elementi e ciascun consigliere potrà apportare il suo personale contributo. La commissione consiliare Lavori pubblici e Urbanistica ha infatti espresso parere favorevole alle nuove direttive, già discusse pubblicamente con l’apporto e le osservazioni di cittadini, dei gruppi politici e delle associazioni.

“È mia intenzione – dice il Sindaco, Michele Botta – proporre un maxiemendamento che tenga conto di tutti gli apporti migliorativi che saranno proposti per dare impulso e sviluppo alla nostra città, integrando le volontà dei cittadini con il nostro programma amministrativo. È volontà dell’Amministrazione, infatti, integrare lo sviluppo agricolo con quello turistico con un particolare riguardo alla fascia costiera”.

Il dibattito in Consiglio è il primo fondamentale passo di un iter di miglioramento che prevede anche la ricezione delle istanze dei singoli cittadini all’istituendo Ufficio di piano presso l’Ufficio tecnico. Intanto sono partite anche le procedure espropriative per iniziare l’iter dei piani i recupero di Porto Palo, utili tra l’altro per la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria, illuminazione pubblica, nuovi parcheggi e servizi nella borgata costiera.