Finanziamenti nei settori industriali, commerciali e turistico

Il Distretto Turistico Selinunte, il Belice e Sciacca Terme, invita le aziende del territorio di Menfi, a presentare iniziative progettuali, nell’ambito dei contratti di sviluppo, che possono ottenere da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, tramite Invitalia, finanziamenti nei settori industriali, commerciali e turistico.

Per dare informazione alle aziende è stato indetto un incontro presso la sede del Distretto a Sciacca Centro Castellucci in Piazza M. Rossi per il giorno mercoledì 21.12.2011 ore 11.30.

Menfi, Scuola: contributi per i libri di testo

Pubblicato sul sito internet del Comune di Menfi l’avviso per presentare le richieste di contributo per i libri di testo.

Il contributo per l’acquisto dei libri di testo viene erogato agli allievi delle scuole secondarie di primo e secondo grado. L’intervento è regolamentato dalla Regione Siciliana ed è finanziato dallo Stato.

Destinatari sono gli allievi appartenenti a famiglie con Indicatore di Situazione Economica Equivalente (ISEE) della famiglia uguale o inferiore ad € 10.632,94.

La richiesta del contributo deve essere redatta su apposito modulo di domanda nel periodo dell’anno e secondo le modalità indicate annualmente dalla Regione Siciliana e diffuse dal Comune.
Il termine ultimo per la presentazione delle istanze è fissato per il giorno 16 dicembre 2011

Il Bando e la modulistica per la partecipazione sono scaricabili sul sito internet del comune di Menfi.

 

 

Agricoltura, contributi per le aziende colpite da calamità naturali

Il sindaco di Menfi, Michele Botta, annuncia che è stato pubblcato sulla gazzetta ufficiale il decreto del ministero dell’Agricoltura che concede contributi fino al 100 percento a titolo di indennizzo alle aziende agricole che hanno subito notevoli danni dalle piogge a carattere alluvionale che si sono abbattute sulla Sicilia lo scorso autunno.
“Con una delegazione di agricoltori agrigentini – ricorda il sindaco Botta – ci eravamo recati dall’allora assessore regionale all’Agricoltura, Michele Cimino, per chiedere lo stato di calamità naturale. Il governo regionale si attivò subito proponendo la relativa declaratoria di crisi che oggi, a meno di un anno dagli eventi, consente allo Stato di dare degli aiuti concreti in favore del settore agricolo. La politica vicina alla gente e, quindi, della concretezza, da sempre i buoni frutti”.

A beneficiare delle provvidenze del fondo di solidarietà Nazionale potranno essere tutte quelle aziende rientranti nel territorio di Menfi e dei Comuni dell’hinterland (Bivona, Calamonaci, Caltabellotta, Cattolica Eraclea, Cianciana, Lucca Sicula, Montallegro, Ribera, Sciacca, e Villafranca sicula) danneggiate dalle piogge alluvionali.

Turismo, finanziamenti per le imprese del settore turistico. Agevolazioni anche per il “sistema porto”

Fino ad otto milioni di euro per progetti riguardanti l’attivazione, la riqualificazione o l’ampliamento della ricettività turistica. A tanto possono arrivare le agevolazioni in favore delle piccole e medie imprese siciliane del settore turistico che possono beneficiare di contributi in conto capitale pari al 50% del totale.

Lo rende noto il sindaco di Menfi che ha emanato un avviso pubblico riguardante la pubblicazione di due bandi del dipartimento regionale del Turismo:

Queste agevolazioni sono un’importantissima opportunità per chi a Menfi vuole scommettere nel turismo, tenendo sempre presente che si dovrà avere quale punto di riferimento la valorizzazione delle identità culturali e delle risorse paesaggistico-ambientali per l’attrattività turistica e lo sviluppo”.

Le piccole e medie imprese che possono richiedere le agevolazioni sono quelle che svolgono le attività economiche e le attività ricettive seguenti:
a) Attività ricettive alberghiere ed extralberghiere;
b) Attività di ristorazione direttamente correlate ad una attività ricettiva esistente;
c) Attività sportive direttamente correlate ad una attività ricettiva esistente;
d) Attività inerenti il benessere fisico della persona direttamente correlate ad una attività ricettiva esistente;
e) Attività inerenti la congressualità direttamente correlate ad una attività ricettiva esistente.

Il secondo bando riguarda la realizzazione di interventi strutturali ed infrastrutturali finalizzati all’attuazione del Piano strategico regionale della PORTUALITÀ TURISTICA.
I soggetti che possono richiedere e beneficiare delle agevolazioni sono le PMI che realizzano gli investimenti in Sicilia nelle aree di copertura geografica indicate nel bando, tra cui Porto Palo di Menfi.

Sono molto soddisfatto che tra le aree geografiche portuali interessate dalle agevolazioni per le imprese risulti anche Porto Palo di Menfi – dichiara il sindaco Botta –. Ciò testimonia ancora una volta la bontà del progetto del nostro Porto Turistico che oggi rappresenta una sicura potenzialità per l’apporto di nuovi ed importanti investimenti per costruire una infrastruttura armonizzata nel “sistema” di portualità turistica ”.


La domanda di partecipazione al bando dovrà essere presentata entro 15/11/2010
Una copia dei bandi e della documentazione che li integrano si trovano pubblicati sul sito del Comune di Menfi e su quella della Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana
http://www.gurs.regione.sicilia.it/Gazzette/g10-32o2/g10-32o2.pdf.
L’amministrazione comunale invita le imprese interessate a rivolgersi presso l’ufficio politiche comunitarie del Comune di Menfi per formulare le richieste d’informazione e sottoporre i quesiti di cui si dovesse avere bisogno riguardanti i succitati bandi.

Sicilia, approvata la legge sull’agriturismo

Approvata dall’Assemblea regionale siciliana la legge sull’agriturismo.
Essa introduce regole più snelle per quanto riguarda l’apertura di nuove strutture agrituristiche, velocizzando gli iter richiesti per la realizzazione.
La legge impegna in prima persona l’apparato amministrativo regionale.
Sarà dell’assessorato regionale alle Risorse agricole e alimentari l’onere e l’obbligo di stilare una lista delle aziende agricole impegnate nella gestione di attività di agriturismo. Sarà inoltre compito della giunta elaborare un piano di tre anni volto a programmare lo sviluppo del settore. Sarà necessario ovviamente tenere conto della diversa conformazione territoriali; inoltre la giunta regionale dovrà decidere equi criteri di priorità delle iniziative da ammettere all’aiuto pubblico e da sostenere.
Verrà poi creato un organo speciale: un comitato tecnico regionale incaricato di esprimere pareri sul programma regionale agrituristico che moniterà lo sviluppo del settore.

Oltre a questi provvedimenti prettamente organizzativi, la Regione Sicilia ha messo mano anche al portafoglio . Il settore agrumicolo è notoriamente in forte crisi. Per sostenerlo la Regione stessa acquisterà direttamente dai produttori agrumi, in particolare arance rosse, per una spesa totale pari a 12,5 milioni di euro!
Ma cosa se ne farà di tutte queste arance la Regione? L’intento è quello di fornire tali agrumi alle aziende di trasformazione specializzate nella produzione dei succhi che saranno poi devoluti per attività sociali e umanitarie.

Parole d’approvazione giungono dal Presidente di Acli Terra Sicilia, che commenta l’approvazione della legge sull’agriturismo da parte dell’Ars.

«Il nostro territorio è la migliore pubblicità che possiamo avere – prosegue – ed è importante che permettiamo ai turisti che scelgono la Sicilia di poterne usufruire nella maniera migliore, di poterlo guardare ma anche vivere e ricordare nel senso più positivo possibile».

Secondo i dati dell’assessorato per le Risorse agricole e alimentari, in Sicilia si contano attualmente circa 6.000 posti letto, oltre 380 piazzole per agricampeggio e quasi 15 mila posti per ristorazione.

«Un patrimonio – conclude il presidente di Acli terra– che grazie a questa legge potrà essere incrementato».

Ricostruzione nel belice, ecco i soldi per il completamento

Mobilitazione dei sindaci della Valle del Belice per stabilire quante risorse dovranno essere assegnate alla Sicilia per definire la ricostruzione.
Dopo il capitolo di 400 milioni di euro acceso nella finanziaria appena licenziata al Senato, il coordinamento dei ventuno Sindaci si prepara per una manifestazione da svolgere il prossimo 15 gennaio a Roma o in uno dei comuni distrutti dal terremoto del gennaio 1968.

“Oltre a commemorare il tragico evento che sconvolse la Valle, vogliamo riportare alla ribalta nazionale la questione del completamento della ricostruzione della Valle del Belice” evidenzia con forza il sindaco di Menfi Michele Botta, che sottolinea: “Il lume della speranza si è riacceso dopo l’ultima finanziaria, che ha rimpinguato un vasto capitolo che comprende anche la ricostruzione del Belice con una posta complessiva in bilancio di 400 milioni di euro. Ora dipenderà dalla Presidenza del Consiglio stabilire la posta necessaria da destinare alla ricostruzione della Valle”.

In questa direzione il sindaco di Menfi Botta si ritiene “fiducioso dell’apporto che potrà portare sia il ministro di Giustizia Angelino Alfano, che ha assunto impegni sulla chiusura della ricostruzione, ma anche del supporto del Presidente della Regione e di tutta la deputazione siciliana, indipendentemente dalla colorazione politica, che dovrà fare quadrato attorno alla soluzione di questo problema”.

Secondo quanto riconosciuto dal precedente governo, oggi, per la chiusura della ricostruzione riguardante l’edilizia privata sono necessari circa 330 milioni di euro e 130 milioni di euro l’edilizia pubblica .

Per Botta : Dopo una attesa lunga 42 anni abbiamo il diritto di chiudere definitivamente il capitolo della ricostruzione.

(fonte gds Franco Graffeo)

Menfi, un contributo per pagare l’affitto di casa. Online il bando.


Un contributo per pagare l’affitto di casa fino a 3.098,74 euro annui.
Arriva per i cittadini di Menfi la possibilità di accedere al beneficio previsto per le abitazioni in locazione relativo all’anno 2008. Ne dà notizia il sindaco Michele Botta con un pubblico bando disponibile al Comune di Menfi e anche su internet al link http://www.comune.menfi.ag.it/default.asp?iID=IHJEF&item=EDFGHF#EDFGHF, dove è possibile trovare anche la modulistica necessaria e l’elenco dei documenti da presentare.
Potranno inoltrare richiesta coloro che hanno reddito annuo imponibile complessivo del nucleo familiare non superiore a € 11.532,56 (pari a due pensioni minime INPS) rispetto al quale l’incidenza del canone di locazione risulti non inferiore al 14%, o un reddito annuo non superiore a quello determinato dalla Regione per l’assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica pari a € 13.710,48 (rispetto al quale l’incidenza del canone di locazione risulti non inferiore al 24%), o ancora i cittadini extracomunitari in possesso del certificato storico di residenza da almeno 10 anni sul territorio nazionale o di 5 anni nella medesima regione. Per la presentazione delle istanze c’è tempo fino al 23 agosto.