Condividiamo il grido di dolore di don Marco. Ecco chi è contro gli ‘ultimi’

A seguito di un articolo pubblicato ieri sul giornale di Sicilia “Il Comune dimentica i poveri”, i consiglieri comunali ne approfittano per condividere quanto detto da Padre Marco e ristabiliscono la verità a seguito delle dichiarazioni non vere del Presidente del Consiglio comunale Buscemi.
Il grido di dolore lanciato dal sacerdote Marco Damanti è lo stesso dei consiglieri Comunali e della Giunta che appoggia il Sindaco Botta.
Ci sentiamo di dire che la scelta dei consiglieri di riferimento dell’amministrazione è basata proprio sul fatto di non abbassare la guardia sul fronte dei bisogni dei cittadini.
Lo dimostra il fatto che in una fase dove sono palesi le difficoltà nazionali, regionali, provinciali e comunali che impongono sacrifici e ristrettezze, gli emendamenti presentati in quel consiglio dimostrano che resta alta l’attenzione verso i più bisognosi. Gli argomenti esplicitati da padre Marco Damanti fanno onore allo stesso e ne confermano la sua missione, proprio perché, nella sua veste di autorevole rappresentante della Chiesa Cattolica, crediamo faccia già la sua parte sul fronte dei bisogni dei cittadini menfitani, bisogni che vanno al di là di quelli semplicisticamente rappresentati nell’articolo sul Giornale di Sicilia del 22/12/2011.
Ci sentiamo la coscienza a posto per aver fatto il possibile nel voler dare risposte agli argomenti sollevati da “Don Marco” anche se resta il rammarico di non poter fare di più.
I sette consiglieri che appoggiano il Sindaco Botta, compatibilmente con le ristrettezze del momento, in quel consiglio hanno presentato emendamenti in favore dei bisognosi.
Di fatto, relatore il consigliere Francesco Santacroce, gli emendamenti, che prevedevano le somme di che trattasi, sono stati prontamente bocciati da chi è contrario a questa Amministrazione.
In buona parte questi ultimi riguardavano misure a favore delle classi meno abbienti, manifestati anzitempo in conferenza dei capigruppo e distribuiti a tutti i consiglieri, anche su indicazione del Presidente del Consiglio che maldestramente tenta di scaricare la colpa  sugli altri.
Evidentemente qualcuno “mente” sapendo di mentire.
A riprova di quanto su affermato vi sono gli atti, depositati presso la presidenza del consiglio, a disposizione di tutti coloro che vogliono far chiarezza sulla problematica evidenziata.

                                            I consiglieri della Giunta Botta
(Bondì, Clemente,  Mattioli,  Palminteri Giuseppe,   Santacroce, Sbrigata,  Vetrano)
Cliccaqui per la Delibera di Consiglio n. 56 in cui i consiglieri Ardizzone Saverio Renato, Buscemi Enzo, Buscemi Nino, Buscemi Giuseppe, Errante, Gambina, La Placa Luigi, Palminteri Saverio hanno bocciato gli emendamenti per il sociale.
Annunci

Il Consiglio comunale aperto sull’impianto a biomasse delle Cantine Settesoli

Menfi dice no alla realizzazione dell’impianto alimentato da biomasse delle Cantine Settesoli. Seduta consiliare aperta ieri sera al comitato promotore della raccolta firme e a tanti cittadini.

Il dato venuto fuori dalla seduta consiliare aperta svoltasi ieri sera a Menfi è la contrarietà della cittadinanza e del consiglio in relazione al progetto per la realizzazione di un impianto alimentato da biomasse presentato dalle cantine Settesoli. Durante la seduta il comitato civico ha depositato le oltre 3000 firme raccolte per dire no al progetto e si e’ registrato un vivace confronto. I consiglieri comunali si esprimeranno ufficialmente nella seduta gia’ programmata per il 26 luglio, ma gia’ ieri sera hanno espresso il loro parere. E a questo punto la vicenda puo’ dirsi conclusa in considerazione della volonta’ delle cantine Settesoli di andare avanti con il progetto soltanto in caso di condivisione dello stesso da parte del consiglio comunale di Menfi.

(fonte: sciaccaonline.com)

Dopo l’illustrazione del progetto da parte dello staff di progettisti Settesoli, spazio ai pareri dei cittadini.
Anche i consiglieri comunali hanno espresso la loro opinione. Da un punto di vista politico, è emersa una vistosa spaccatura all’interno dell’opposizione e del Partito Democratico, con il capogruppo Saverio Palminteri che si è mostrato possibilista per una valutazione positiva del progetto giorno 26. Anche l’UDC si è espresso favorevolmente, diversamente dal resto dei partiti del “terzo polo”.
Il consigliere Bondì, poi, ha criticato vibratamente la gestione del Presidente Nino Buscemi, reo di aver ritardato, da aprile a giugno, la messa all’ordine del giorno della proposta. La critica di Bondì ha poi fatto riferimento alla precedente vicenda TreTigli, in cui Buscemi era Sindaco e aveva dato un nulla osta alla fattibilità dell’opera. Tesi, quest’ultima, ribadita dal Consigliere Clemente. Il Sindaco Botta, ricordando tutti i passaggi amministrativi dell’iter di questo progetto, e cogliendo le richieste di alcuni cittadini, ha proposto una tavola rotonda in cui esperti della Settesoli ed esperti del comitato dei cittadini, possano confrontarsi su tutte le criticità emerse in ordine al progetto.

Da pù parti, poi, è emersa l’esigenza che il Presidente del Consiglio Comunale metta al più presto all’ordine del giorno il Piano Energetico Ambientale Comunale.

A conclusione del dibattito il Sindaco, su proposta del Consigliere La Placa, ha invitato a continuare il confronto e la collaborazione tra le Isituzioni cittadine, le Cantine Settesoli e la comunità menfitana. L’appello è stato accolto dal Presidente del comitato cittadino, Padre Marco Damanti, che si è reso disponibile all’incontro anche per evitare “fratture” tra la città e l’azienda che rappresenta il motore dell’economia menfitana.

Migliaia di persone alla tre giorni di Inycon, Menfi e il suo vino Chiusa con grande successo la 14ma edizione

Con il suggestivo concerto pirotecnico, al termine dello spettacolo d’arte “Innesti di vite”, si è conclusa con un grande successo la 14ma edizione di Inycon, Menfi e il suo vino, la kermesse organizzata da Comune di Menfi e Cantine Settesoli con la partecipazione degli assessorati regionali al Turismo e all’Agricoltura.

“Il bilancio di questa edizione – dice Michele Botta, sindaco di Menfi – è certamente molto positivo sia in termini di presenze sia per i contenuti tecnici dei convegni, i laboratori del gusto e gli incontri con i produttori, sia per i contenuti artistici, che hanno messo in luce anche molti talenti della nostra Menfi. Positiva anche la grande compostezza e l’aria di decoro che si è respirata per le strade e i cortili del centro, con i locali per la prima volta vestiti a festa, in tema e coi colori della manifestazione. Una festa di alta qualità per la quale ringrazio l’organizzazione e gli amministratori che hanno lavorato alacremente per l’ottima riuscita”.

La partecipazione straordinaria di Antonella Ruggiero e Riccardo Di Cosmo, primo ballerino dell’Opera di Roma, ha impreziosito ulteriormente un evento ricco ed emozionante per un’edizione realizzata su progetto artistico di Orlando Biglieri e Francesco Bondì e alla quale hanno preso parte migliaia di persone.

“Ho trovato straordinaria l’organizzazione, contrariamente alla situazione attuale nel resto del Paese – dice Di Cosmo – Investire in manifestazioni, anche di carattere enogastronomico, che diano risalto alla cultura e alla tradizione di una terra fa bene alla gente. A Menfi ho trovato un ambiente accogliente, un pubblico sensibile e molto entusiasta per l’evento allestito”.