Condividiamo il grido di dolore di don Marco. Ecco chi è contro gli ‘ultimi’

A seguito di un articolo pubblicato ieri sul giornale di Sicilia “Il Comune dimentica i poveri”, i consiglieri comunali ne approfittano per condividere quanto detto da Padre Marco e ristabiliscono la verità a seguito delle dichiarazioni non vere del Presidente del Consiglio comunale Buscemi.
Il grido di dolore lanciato dal sacerdote Marco Damanti è lo stesso dei consiglieri Comunali e della Giunta che appoggia il Sindaco Botta.
Ci sentiamo di dire che la scelta dei consiglieri di riferimento dell’amministrazione è basata proprio sul fatto di non abbassare la guardia sul fronte dei bisogni dei cittadini.
Lo dimostra il fatto che in una fase dove sono palesi le difficoltà nazionali, regionali, provinciali e comunali che impongono sacrifici e ristrettezze, gli emendamenti presentati in quel consiglio dimostrano che resta alta l’attenzione verso i più bisognosi. Gli argomenti esplicitati da padre Marco Damanti fanno onore allo stesso e ne confermano la sua missione, proprio perché, nella sua veste di autorevole rappresentante della Chiesa Cattolica, crediamo faccia già la sua parte sul fronte dei bisogni dei cittadini menfitani, bisogni che vanno al di là di quelli semplicisticamente rappresentati nell’articolo sul Giornale di Sicilia del 22/12/2011.
Ci sentiamo la coscienza a posto per aver fatto il possibile nel voler dare risposte agli argomenti sollevati da “Don Marco” anche se resta il rammarico di non poter fare di più.
I sette consiglieri che appoggiano il Sindaco Botta, compatibilmente con le ristrettezze del momento, in quel consiglio hanno presentato emendamenti in favore dei bisognosi.
Di fatto, relatore il consigliere Francesco Santacroce, gli emendamenti, che prevedevano le somme di che trattasi, sono stati prontamente bocciati da chi è contrario a questa Amministrazione.
In buona parte questi ultimi riguardavano misure a favore delle classi meno abbienti, manifestati anzitempo in conferenza dei capigruppo e distribuiti a tutti i consiglieri, anche su indicazione del Presidente del Consiglio che maldestramente tenta di scaricare la colpa  sugli altri.
Evidentemente qualcuno “mente” sapendo di mentire.
A riprova di quanto su affermato vi sono gli atti, depositati presso la presidenza del consiglio, a disposizione di tutti coloro che vogliono far chiarezza sulla problematica evidenziata.

                                            I consiglieri della Giunta Botta
(Bondì, Clemente,  Mattioli,  Palminteri Giuseppe,   Santacroce, Sbrigata,  Vetrano)
Cliccaqui per la Delibera di Consiglio n. 56 in cui i consiglieri Ardizzone Saverio Renato, Buscemi Enzo, Buscemi Nino, Buscemi Giuseppe, Errante, Gambina, La Placa Luigi, Palminteri Saverio hanno bocciato gli emendamenti per il sociale.
Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: